Salmi

 

Salmi

Salmo 113 (114-115) – La bontà di Dio.
(T.M. 114)[1]Alleluia.
Quando Israele uscì dall’Egitto,
la casa di Giacobbe da un popolo barbaro,[2]Giuda divenne il suo santuario,
Israele il suo dominio.[3]Il mare vide e si ritrasse,
il Giordano si volse indietro,[4]i monti saltellarono come arieti,
le colline come agnelli di un gregge.[5]Che hai tu, mare, per fuggire,
e tu, Giordano, perché torni indietro?[6]Perché voi monti saltellate come arieti
e voi colline come agnelli di un gregge?[7]Trema, o terra, davanti al Signore,
davanti al Dio di Giacobbe,[8]che muta la rupe in un lago,
la roccia in sorgenti d’acqua.
(T.M. 115)
L’unico vero Dio[1]Non a noi, Signore, non a noi,
ma al tuo nome dà gloria,
per la tua fedeltà, per la tua grazia.[2]Perché i popoli dovrebbero dire:
«Dov’è il loro Dio?».[3]Il nostro Dio è nei cieli,
egli opera tutto ciò che vuole.[4]Gli idoli delle genti sono argento e oro,
opera delle mani dell’uomo.[5]Hanno bocca e non parlano,
hanno occhi e non vedono,[6]hanno orecchi e non odono,
hanno narici e non odorano.[7]Hanno mani e non palpano,
hanno piedi e non camminano;
dalla gola non emettono suoni.[8]Sia come loro chi li fabbrica
e chiunque in essi confida.[9]Israele confida nel Signore:
egli è loro aiuto e loro scudo.[10]Confida nel Signore la casa di Aronne:
egli è loro aiuto e loro scudo.[11]Confida nel Signore, chiunque lo teme:
egli è loro aiuto e loro scudo.[12]Il Signore si ricorda di noi, ci benedice:
benedice la casa d’Israele,
benedice la casa di Aronne.[13]Il Signore benedice quelli che lo temono,
benedice i piccoli e i grandi.[14]Vi renda fecondi il Signore,
voi e i vostri figli.[15]Siate benedetti dal Signore
che ha fatto cielo e terra.[16]I cieli sono i cieli del Signore,
ma ha dato la terra ai figli dell’uomo.[17]Non i morti lodano il Signore,
né quanti scendono nella tomba.[18]Ma noi, i viventi, benediciamo il Signore
ora e sempre.

… OMISSIS…

Salmo 117(118) – Fiducia.[1]Alleluia.
Celebrate il Signore, perché è buono;
perché eterna è la sua misericordia.[2]Dica Israele che egli è buono:
eterna è la sua misericordia.[3]Lo dica la casa di Aronne:
eterna è la sua misericordia.[4]Lo dica chi teme Dio:
eterna è la sua misericordia.[5]Nell’angoscia ho gridato al Signore,
mi ha risposto, il Signore, e mi ha tratto in salvo.[6]Il Signore è con me, non ho timore;
che cosa può farmi l’uomo?[7]Il Signore è con me, è mio aiuto,
sfiderò i miei nemici.[8]E’ meglio rifugiarsi nel Signore
che confidare nell’uomo.[9]E’ meglio rifugiarsi nel Signore
che confidare nei potenti.[10]Tutti i popoli mi hanno circondato,
ma nel nome del Signore li ho sconfitti.[11]Mi hanno circondato, mi hanno accerchiato,
ma nel nome del Signore li ho sconfitti.[12]Mi hanno circondato come api,
come fuoco che divampa tra le spine,
ma nel nome del Signore li ho sconfitti.[13]Mi avevano spinto con forza per farmi cadere,
ma il Signore è stato mio aiuto.[14]Mia forza e mio canto è il Signore,
egli è stato la mia salvezza.[15]Grida di giubilo e di vittoria,
nelle tende dei giusti:
la destra del Signore ha fatto meraviglie,[16]la destra del Signore si è innalzata,
la destra del Signore ha fatto meraviglie.[17]Non morirò, resterò in vita
e annunzierò le opere del Signore.[18]Il Signore mi ha provato duramente,
ma non mi ha consegnato alla morte.[19]Apritemi le porte della giustizia:
voglio entrarvi e rendere grazie al Signore.[20]E’ questa la porta del Signore,
per essa entrano i giusti.[21]Ti rendo grazie, perché mi hai esaudito,
perché sei stato la mia salvezza.[22]La pietra scartata dai costruttori
è divenuta testata d’angolo;[23]ecco l’opera del Signore:
una meraviglia ai nostri occhi.[24]Questo è il giorno fatto dal Signore:
rallegriamoci ed esultiamo in esso.[25]Dona, Signore, la tua salvezza,
dona, Signore, la vittoria![26]Benedetto colui che viene nel nome del Signore.
Vi benediciamo dalla casa del Signore;[27]Dio, il Signore è nostra luce.
Ordinate il corteo con rami frondosi
fino ai lati dell’altare.[28]Sei tu il mio Dio e ti rendo grazie,
sei il mio Dio e ti esalto.[29]Celebrate il Signore, perché è buono:
perché eterna è la sua misericordia.

… OMISSIS…

Salmo 125 (126) – Gioia dei reduci.

1]Canto delle ascensioni.
Quando il Signore ricondusse i prigionieri di Sion,
ci sembrava di sognare.[2]Allora la nostra bocca si aprì al sorriso,
la nostra lingua si sciolse in canti di gioia.
Allora si diceva tra i popoli:
«Il Signore ha fatto grandi cose per loro».[3]Grandi cose ha fatto il Signore per noi,
ci ha colmati di gioia.[4]Riconduci, Signore, i nostri prigionieri,
come i torrenti del Negheb.[5]Chi semina nelle lacrime
mieterà con giubilo.[6]Nell’andare, se ne va e piange,
portando la semente da gettare,
ma nel tornare, viene con giubilo,
portando i suoi covoni.

… OMISSIS…

Salmo 131 (132) – La promessa a Davide.[1]Canto delle ascensioni.
Ricordati, Signore, di Davide,
di tutte le sue prove,[2]quando giurò al Signore,
al Potente di Giacobbe fece voto:[3]«Non entrerò sotto il tetto della mia casa,
non mi stenderò sul mio giaciglio,[4]non concederò sonno ai miei occhi
né riposo alle mie palpebre,[5]finché non trovi una sede per il Signore,
una dimora per il Potente di Giacobbe».[6]Ecco, abbiamo saputo che era in Efrata,
l’abbiamo trovata nei campi di Iàar.[7]Entriamo nella sua dimora,
prostriamoci allo sgabello dei suoi piedi.[8]Alzati, Signore, verso il luogo del tuo riposo,
tu e l’arca della tua potenza.[9]I tuoi sacerdoti si vestano di giustizia,
i tuoi fedeli cantino di gioia.[10]Per amore di Davide tuo servo
non respingere il volto del tuo consacrato.[11]Il Signore ha giurato a Davide
e non ritratterà la sua parola:
«Il frutto delle tue viscere
io metterò sul tuo trono![12]Se i tuoi figli custodiranno la mia alleanza
e i precetti che insegnerò ad essi,
anche i loro figli per sempre
sederanno sul tuo trono».[13]Il Signore ha scelto Sion,
l’ha voluta per sua dimora:[14]«Questo è il mio riposo per sempre;
qui abiterò, perché l’ho desiderato.[15]Benedirò tutti i suoi raccolti,
sazierò di pane i suoi poveri.[16]Rivestirò di salvezza i suoi sacerdoti,
esulteranno di gioia i suoi fedeli.[17]Là farò germogliare la potenza di Davide,
preparerò una lampada al mio consacrato.[18]Coprirò di vergogna i suoi nemici,
ma su di lui splenderà la corona».

… OMISSIS…
Salmo 132 (133) – Concordia fraterna.[1]Canto delle ascensioni. Di Davide.
Ecco quanto è buono e quanto è soave
che i fratelli vivano insieme![2]E’ come olio profumato sul capo,
che scende sulla barba,
sulla barba di Aronne,
che scende sull’orlo della sua veste.[3]E’ come rugiada dell’Ermon,
che scende sui monti di Sion.
Là il Signore dona la benedizione
e la vita per sempre.

… OMISSIS…

Salmo 133(134) – Saluto al tempio.[1]Canto delle ascensioni.
Ecco, benedite il Signore,
voi tutti, servi del Signore;
voi che state nella casa del Signore
durante le notti.[2]Alzate le mani verso il tempio
e benedite il Signore.[3]Da Sion ti benedica il Signore,
che ha fatto cielo e terra.

… OMISSIS…